Totus Tuus: la gioia di essere in cuore a Maria…

monopoli

Sabato, 30 maggio 2015, a conclusione del cammino di preparazione, nella celebrazione eucaristica presieduta dal superiore provinciale dei missionari monfortani, p. Angelo Epis, presso la chiesa Santa Maria del Carmine di Monopoli (Ba), 69 fedeli si sono consacrati a Gesù per le mani di Maria, e sono stati iscritti nel registro dell’Associazione Maria Regina dei cuori. Un cammino fortemente desiderato dal parroco don Oronzo che insieme ai suoi parrocchiani ha partecipato alle 10 catechesi di preparazione di P. Giovanni Personeni smm, approfondendo la lettura del Trattato della Vera Devozione e degli insegnamenti di San Luigi Maria da Montfort. Benvenuti in questa grande famiglia!

Annunci

A Maria, dimora della Trinità…

TrinitaSantaTi saluto, Maria, figlia prediletta del Padre.
Ti saluto, Maria, madre mirabile del Figlio.
Ti saluto, Maria, sposa fedelissima dello Spirito Santo.
Ti saluto, Maria, tempio augusto della santissima Trinità.
Ti saluto, Maria, amata Signora, tenera Madre,
Regina del mio cuore! […]

O Figlia del Re dei re,
il cui splendore più vivo è quello interiore, […]
fa’ che per mezzo dello Spirito Santo, tuo fedele Sposo,
e di te che gli sei fedele Sposa, sia formato perfettamente
nei nostri cuori Gesù, tuo amatissimo Figlio,
alla maggior gloria del Padre,
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Montfort

XII Giornate di spiritualità di Loreto 2015

depliant Loreto2015front

depliant Loreto2015interno

“Un pensiero al giorno con Montfort”: antologia di testi per il 300° della morte

copertina schalom

L’antologia, pubblicata dalle edizioni Shalom in occasione del Tricentenario della morte 1716-2016 di San Luigi Maria di Montfort, segue lo scorrere dei giorni e vuole essere un primo aiuto a scoprire la formidabile ricchezza di Montfort, ma anche uno strumento per risvegliare in tutti un amore più forte e un impegno rinnovato per la Chiesa e la comunità degli uomini.

Logo dei Fratelli di San Gabriele di Francia per il 300° di Montfort

immagine 300°Il logo dei Fratelli di San Gabriele di Francia per il 300° di Montfort, disegnato da fratel René Guibert, rappresenta:

  • Montfort rivestito dei colori dell’arcobaleno, segno della sua alleanza e comunione con Dio e con il mondo odierno;
  • Montfort missionario «in uscita», proteso in avanti;
  • Montfort giovane, pieno di gioia e dinamico;
  • Montfort con lo sguardo fisso sulla Croce, simbolo della redenzione e dell’amore totale di Gesù per l’umanità;
  • Montfort che stringe nella mano destra la statuetta di «Nostra Signora della Strada», simbolo del suo «Totus Tuus» che l’ha condotto a Gesù, per le mani di Maria; questa via ha aiutato una moltitudine di persone ad andare a Dio, cominciando da san Giovanni Paolo II;
  • Montfort plasmato dalla Parola di Dio, simbolizzata dal libro dei Vangeli, che egli portava sempre nella sua sacca;
  • Montfort che trascina tutti con sé sul cammino che conduce sicuramente a Dio.

(a cura di Bernard Guesdon)

Video celebrazione apertura 300° della morte di Montfort

tomba montfort

Video celebrazione di apertura/1

Video celebrazione di apertura/2

Video celebrazione di apertura/3

Malawi: 300 anni dalla morte di san Luigi Maria di Montfort

La statua di Montfort in ebano

La statua di Montfort in ebano del lebbrosario di Utale

Inizia oggi, 24 maggio 2015, per la Famiglia Monfortana, con la Solennità della Pentecoste, la celebrazione dei 300 anni di San Luigi da Montfort. Una ricorrenza che vede la partecipazione in tanti angoli del mondo di religiosi e laici che si ispirano alla spiritualita’ monfortana verso una riscoperta di un carisma che si incarna in tempi e luoghi sempre nuovi.

San Luigi da Montfort, missionario della Bretagna in Francia si trova ora di casa in tanti continenti dove i Missionari Monfortani, le Suore della Sapienza e i Fratelli di san Gabriele hanno portato il suo spirito che ripete il Totus Tuus che era cosi’ caro a Papa Giovanni Paolo II. In Malawi la presenza missionaria risale al 1901 e ha visto oltre 300 missionari presenti in questi anni. Il Malawi è diventato cosi’ cattolico e conta milioni di fedeli tra i 17 milioni di abitanti.

Come icona di questo anno tre centenario abbiamo ritrovato la statua di San Luigi da Montfort che i lebbrosi di Utale avevano posto nella loro chiesa. Qui si radunavano alle cinque del mattino quando suonava la tromba della preghiera e il grande lebbrosario che contava fino a 500 lebbrosi si riversava nella chiesa. Scolpita nel legno di ebano, durissimo, l’immagine del missionario che aveva portato fin sulle sponde del fiume Rivirivi, una casa che li accogliesse e tanta carità che li rendesse persone non più scacciate dai villaggi, racconta la severita’ della malattia, il dolore di chi si trascinava su moncherini senza più mani e piedi per chiedere la guarigione. Una statua che racconta del passato, e che parla di un impegno per oggi a salvare la lebbra della corruzione e di tante malattie ancora troppo presenti come la malaria, il colera, l’AIDS… che crescono proprio sulla denutrizione e la fame di tanta parte del Malawi.

Ricomincia così a Pentecoste la missione che nel dono dello Spirito Santo ha il suo inizio. Riprende slancio anche lo spirito di San Luigi da Montfort nei suoi missionari in Malawi e nel mondo.

p. Piergiorgio Gamba – Malawi