Col cuore di Maria amiano il cuore di Gesù

Lodando il Cuore adorabile di Cristo
io lodo nella giusta misura
il Cuore della sua Madre ammirabile
tanto grande è la loro unione.

Non adoro solamente te,
Cuore del mio Dio, Cuore glorioso,
ma adorando te, io onoro
il Cuore della Regina dei cieli.

Cristiani, per mezzo del Cuore di Maria
amiamo il Cuore di Gesù,
poiché Gesù ha preso la vita
nel suo Cuore e nelle sue virtù.

Dal Sangue del suo Cuore infiammato
il Cuore di Gesù è formato;
hanno un solo cuore, hanno una sola anima,
l’uno e l’altra  bisogna amare.

Anima, perditi senza riserva
in questi due Cuori prodigiosi,
l’uno con l’altro ti esorta
a vederne uno solo nei due.

Anima cara, vai in segreto
per mezzo del tenero Cuore di Maria al Cuore altissimo.
Tu diventerai presto perfetta,
amando come si deve il Cuore di Maria.
Dio Solo.

(Montfort, Cantico 40,33-38)

«È da te, o Vergine Maria, che ci vengono questo Corpo e questo Sangue»

Maria_Eucaristia_Adorazione

«È da te, o Vergine Maria,
che ci vengono
questo Corpo e questo Sangue,
che ci innalzano a sì alta dignità,
invidiata persino dagli angeli.
Benedetta tu in ogni luogo
per averci fatto
questo dono prezioso.

O Madre ammirabile,
effondi nei nostri cuori
tutte le tue virtù,
affinchè il dolcissimo Gesù
vi dimori con piacere.
Versa il tuo amore in noi,
per amare il tuo caro Figlio
attaverso di te.
O Gesù, la tua Santa Madre
è nostro perfetto supplemento,
vieni dunque subito in noi
per unirci al Padre tuo;
o meglio, vieni nel suo Cuore
che compenserà il nostro poco fervore.
Amen»

Montfort
Cantico 134, 11-13

 

Mons. Tonino Bello: maestro di vera devozione a Maria

dtb_papa_2340794In occasione del 25esimo anniversario della morte di monsignor Tonino Bello, venerdì 20 aprile 2018, papa Francesco si recherà in visita pastorale ad Alessano (Lecce), paese natale di don Tonino e luogo dove la sua tomba è meta di pellegrinaggi, e a Molfetta (Bari) dove il “vescovo del grembiule” ha esercitato il suo ministero episcopale.

Don Tonino ha sperimentato che Maria è «colei che ci mostra la via della santità e ci accompagna», come ha scritto papa Francesco nella recente Esortazione apostolica Rallegratevi ed esultate, sulla chiamata alla santità nel mondo contemporaneo (cfr. n. 176).

Don Tonino è stato ed è un profondo maestro di devozione a Maria, in particolare con il suo libretto “Maria, donna dei nostri giorni”, nel quale in 31 colpi di pennello tratteggia il posto decisivo che Maria ha nel mistero di Cristo, della Chiesa e di ciascuno di noi.

Ancora oggi, il respiro mariano di don Tonino, lontano dai comuni luoghi devozionali e vicino all’esperienza di tutti, apre tanti cuori ad accogliere Maria nella propria esperienza di fede, in obbedienza al volere testamentario di Gesù: “Figlio, ecco tua madre”.

Per preparare l’evento e volendo “accompagnare” papa Francesco nella sua visita, possiamo invocare Maria, attingendo alle parole provocanti e dense  dell’amore filiale di don Tonino per lei:

Maria donna in cammino: provoca in me il rifiuto definitivo della poltrona e delle pantofole.

Maria donna del vino nuovo: regalami un cuore traboccante di gioia e di letizia.

Maria donna del silenzio: stabilisci il mio domicilio nella contemplazione di Dio.

Maria donna del servizio: prestami il tuo grembiule preparato a Nazareth e mai dismesso.

Maria donna vera: strappami le plastiche facciali che sfregiano l’immagine di Dio.

Maria donna del popolo: abolisci in me ogni traccia di privilegio e annullane anche il desiderio.

Maria donna che conosce la danza: fa’ di me un rigo musicale su cui ognuno possa cantare la sua vita.

Maria donna elegante: donami un sorriso per ogni gesto di amore.

Maria donna dei nostri giorni: depenna eventuali rimpianti del passato, perché renda già presente il futuro.

Maria donna dell’ultima ora: affretta il mio passo verso il fratello che mi attende, verso il Cristo che mi precede, verso il Padre pronto ad accogliermi nell’Amore dello Spirito.

Papa Francesco: Maria aiuta a sviluppare in noi gli anticorpi del Vangelo contro i virus del nostro tempo

cq5dam.web.800.800

Madre Immacolata,
per la quinta volta vengo ai tuoi piedi come Vescovo di Roma,
a renderti omaggio a nome di tutti gli abitanti di questa città.
Vogliamo ringraziarti per la costante premura
con cui accompagni il nostro cammino,
il cammino delle famiglie, delle parrocchie, delle comunità religiose;
il cammino di quanti ogni giorno, a volte con fatica,
attraversano Roma per andare al lavoro;
dei malati, degli anziani, di tutti i poveri,
di tante persone immigrate qui da terre di guerra e di fame.
Grazie perché, appena rivolgiamo a te un pensiero
o uno sguardo o un’Ave Maria fugace,
sempre sentiamo la tua presenza materna, tenera e forte.

O Madre, aiuta questa città a sviluppare gli “anticorpi”
contro alcuni virus dei nostri tempi:
l’indifferenza, che dice: “Non mi riguarda”;
la maleducazione civica che disprezza il bene comune;
la paura del diverso e dello straniero;
il conformismo travestito da trasgressione;
l’ipocrisia di accusare gli altri, mentre si fanno le stesse cose;
la rassegnazione al degrado ambientale ed etico;
lo sfruttamento di tanti uomini e donne.
Aiutaci a respingere questi e altri virus
con gli anticorpi che vengono del Vangelo.
Fa’ che prendiamo la buona abitudine
di leggere ogni giorno un passo del Vangelo
e, sul tuo esempio, di custodire nel cuore la Parola,
perché, come un buon seme, porti frutto nella nostra vita.

Vergine Immacolata,
175 anni fa, a poca distanza da qui,
nella chiesa di Sant’Andrea delle Fratte,
hai toccato il cuore di Alfonso Ratisbonne, che in quel momento
da ateo e nemico della Chiesa divenne cristiano.
A lui ti mostrasti come Madre di grazia e di misericordia.
Concedi anche a noi, specialmente nella prova e nella tentazione,
di fissare lo sguardo sulle tue mani aperte,
che lasciano scendere sulla terra le grazie del Signore,
e di spogliarci di ogni orgogliosa arroganza,
per riconoscerci come veramente siamo:
piccoli e poveri peccatori, ma sempre tuoi figli.
E così di mettere la mano nella tua
per lasciarci ricondurre a Gesù, nostro fratello e salvatore,
e al Padre celeste, che non si stanca mai di aspettarci
e di perdonarci quando ritorniamo a Lui.

Grazie, o Madre, perché sempre ci ascolti!
Benedici la Chiesa che è a Roma,
benedici questa Città e il mondo intero.
Amen.

(Roma, Piazza di Spagna, 8 dicembre 2017)

PREGHIERA GIUBILARE – FATIMA 2017

logo_cuore_fatimaSalve, Madre del Signore,
Vergine Maria, Regina del Rosario di Fatima!
Benedetta fra tutte le donne,
sei l’immagine della Chiesa rivestita di luce pasquale,
sei l’onore del nostro popolo,
sei il trionfo sul male.

Profezia dell’Amore misericordioso del Padre,
Maestra dell’Annuncio della Buona Novella del Figlio,
Segno del Fuoco ardente dello Spirito Santo,
insegnaci, in questa valle di gioie e di dolori,
le verità eterne che il Padre rivela ai piccoli.

Mostraci la forza del tuo manto protettore.
Nel tuo Cuore Immacolato,
sii il rifugio dei peccatori
e la via che conduce a Dio.

Unito/a ai miei fratelli,
nella Fede, nella Speranza e nell’Amore,
a Te mi affido.
Unito/a ai miei fratelli, attraverso di Te, a Dio mi consacro,
o Vergine del Rosario di Fatima.

E alla fine, avvolto/a dalla Luce che dalle tue mani giunge a noi,
darò gloria al Signore per i secoli dei secoli. Amen.