Foglio di collegamento – 5/ottobre 2018

foglio_5

Foglio di collegamento – 5/ottobre 2018

Foglio di collegamento- 4/agosto 2018

cover_foglio4

Foglio di collegamento n. 4 – agosto 2018

Foglio di collegamento / n. 3 – giugno 2018

Foglio3

 Foglio di collegamento n. 3 – giugno 2018

Czestochowa: convegno di spiritualità monfortana (8-10 dicembre 2016)

madonna-nera

Dall’8 al 10 dicembre 2016, si celebra presso il santuario di Jasna Gora a Czestochowa in Polonia, il Convegno di spiritualità monfortana organizzato da p. Filipovic Mihovil, missionario monfortano.

Il Convegno inizia nel pomeriggio di giovedì 8 dicembre con l’Eucaristia presieduta da p. Angelo Epis, superiore provinciale dei Missionari Monfortani d’Italia. Con questa celebrazione si aprirà ufficialmente la prima comunità dei Padri monfortani in Polonia.

Il simposio entrerà nel vivo il mattino seguente con la Santa Messa presieduta  da Mons. Waclaw Depo, Arcivescovo Metropolita di Czestochowa. Il programma, molto intenso, prevede, poi, 5 relazioni. P. Efrem Assolari (Francia) tratterà il tema: “Montfort, misericordioso come il Padre”. A seguire p. J. Enrique Gonzàlez Vàsquez, vicario generale della Compagnia di Maria (Roma) approfondirà i quattro mezzi indicati dal Montfort per ottenere la Divina Sapienza. Ancora, suor Amabile Maria del Cuore di Gesù, della “Fraternità Arca di Maria” (Pescara), parlerà della totale consacrazione a Maria (santa schiavitù d’amore) nella luce di Fatima. P. Angelo Epis (Roma) offrirà un ulteriore contributo su San Luigi Maria de Montfort e l’Evangeli Gaudium. Come vivere oggi la missione da discepoli di Montfort? Infine, il vicario generale della Compagnia di Maria, p. J. Enrique Gonzàlez Vàsquez (Roma), si soffermerà sugli Apostoli degli ultimi tempi e la loro missione di rinnovamento della Chiesa e dello spirito cristiano tramite la consacrazione a Gesù per mezzo di Maria.

Il Convegno sarà scandito da momenti di preghiera quali celebrazioni eucaristiche, rosario meditato, coroncina della divina misericordia, adorazione eucaristica, e dalle testimonianze.

Giornate di Loreto: un’esperienza di ricarica spirituale

30consacrazione

In basilica

Quest’anno al convegno di Loreto eravamo 450 partecipanti. Ci stupisce vedere come san Luigi M. Grignion da Montfort sia stato lasciato nell’oscurità per tanto tempo ed è invece attualissimo, anzi la sua spiritualità si proietta nel futuro della Chiesa.

Le Giornate hanno avuto un sapore particolare per la coincidenza provvidenziale dell’Anno della Misericordia con i 300 anni della morte del Montfort. Quindi il convegno ha tenuto fisso lo sguardo, come invita papa Francesco, sulla misericordia, contemplandola dalla prospettiva monfortana.

Questi giorni di spiritualità sono stati per me un’esperienza di ricarica spirituale. Ero veramente in uno stato di aridità e di poco zelo; ci volevano proprio questi tre giorni per uscirne! Ho sentito tanto, tanti fatti e gesti di misericordia della vita del Montfort che mi erano sconosciuti.Si sono succeduti vari relatorie ognuno mi ha dato qualcosa, spunti di riflessione, chiarimenti.

Il rinnovo della consacrazione è avvenuto il sabato sera in Basilica. È stato molto toccante entrare nella Santa Casa con il flambeau acceso, pregando, cantando, e baciare il libro dei Vangeli, pronunciando il “Fiat” con Maria…

Altro momento importante è stato il passaggio della Porta Santa del Giubileo della Misericordia. Non era in programma, allora lo abbiamo fatto Lorena ed io ed è stato commovente. Poi Annalisa lo ha proposto a tutto il gruppo e così abbiamo percorso ancora tutto l’itinerario, vivendo un momento di vera comunione.

Verità e Carità sono le due parole che hanno condotto alla conversione Claudia Koll. È lei che l’ultimo giorno ha fatto la sua testimonianza con molta semplicità e dolcezza. È stato interessante vedere come la sua conversione, dono della Misericordia di Dio, l’abbia poi aperta alla carità e all’impegno nella onlus che si occupa dei più poveri, soprattutto in Africa. Diceva che la Vergine Maria l’ha aiutata a capire cosa doveva cambiare nella sua vita, gli aspetti che doveva modificare per fare un passo in avanti. Non è stato facile – diceva -, le tentazioni erano forti, ma non temeva perchè si sentiva tra Gesù e Maria.

Le celebrazioni eucaristiche quotidiane, l’adorazione hanno dato il senso primo alle nostre giornate di spiritualità che si sono concluse con l’Eucaristia presieduta dal Superiore Generale dei Missionari monfortani, attorniato da numerosi confratelli.

Abbiamo mantenuto anche nel viaggio di ritorno un clima di preghiera e ioia, con momenti di condivisione.

Maria Teresa Soccol – Gruppo Monfortano Duocesano Belluno